agosto 03, 2013

Kasane cap. 1-2

Buon pomeriggio a tutti voi, rilascio di fine settimana di un nuovo progetto che personalmente mi ha davvero affascinato, si tratta di un seinen di cui ho creato la scheda pochi giorni fa e propostomi proprio da uno di voi, Nadine. Il bello di questo genere è quello di essere davvero unico e completo, per questo mi piace così tanto: è in grado di soddisfare ed accontentare anche il lettore più esigente, niente è scontato o eccessivamente stantio, anzi spesso le storie sono ben più coinvolgenti di quelle che gli altri generi offrono. Per carità, queste sono soltanto opinioni personali, ed ognuno è libero di credere quel che vuole e scegliersi le proprie letture secondo i propri gusti, ma questo manga è davvero molto bello, per cui chiedo anche ai fedeli lettori di shoujo di dargli una possibilità, perchè sono certa che Kasane meriti molto più di tanti altri manga dalla trama prevedibile e di esile spessore morale. Se devo essere ancora più sincera, parlare per generi mi da i nervi, non capisco molto chi sceglie  un manga in base al genere, sarà che le etichette non mi sono mai piaciute e sarà che già in una classificazione di questo tipo è implicito un giudizio, certo, è vero, questo sistema è anche utile, perchè ci guida nella scelta, ci da una mano ad orientarci, ma spesso molte persone si lasciano condizionare scartando a prescindere quello che si allontana dall'usuale, dal consueto, dal quotidiano però anche ripetitivo, solito visto e rivisto. Non tenterò con questo breve post di corrompervi, anche perchè nemmeno posso affermare che Kasane offra quello a cui un lettore di shoujo moderni, tipo genere scolastico ed intriso di romanticismo, è abituato, vi mentirei spudoratamente, ma proprio per questo voglio spronarvi, almeno per questa volta ad osare un pò di più, solo per questa volta....se non dovesse piacervi, pazienza, almeno sia io che voi ci abbiamo provato, e di certo non mancherà fra i futuri e i progetti in corso un nuovo shoujo o un josei che possa soddisfare le vostre aspettative.
Non mi soffermerò stavolta a parlarvi dell'opera in quanto credo sia molto più semplice lasciarvela leggere da voi, è implicito come il mio giudizio sia assolutamente positivo, altrimenti non avrei accettato la proposta, ma ci tengo ugualmente a conoscere il vostro, e vi prego anche quelli negativi, un " non mi piace", oppure un "non fa per me", o "preferisco comunque lo shoujo scolastico & Co." non mi offende assolutamente se detto con educazione, e conoscere il pensiero dei miei lettori è quello che mi preme di più, anche per capire un pò chi è il mio pubblico, chi sono le persone che mi seguono, la loro fascia d'età, i generi ( o meglio le trame) che più li affascinano. Premetto solo che ho deciso di rilasciare i primi due capitoli insieme in quanto costituiscono una specie di prologo, di flashback alla storia principale, quindi leggeteli considerandoli come un antefatto.

Concludo ringraziando di cuore il Seizon scans e Aereus per avermi aiutata così tanto in questi primi due capitoli e per avermi concesso l'uso delle scans, dal prossimo capitolo contribuiremo grazie a click a sostenere la mangaka acquistandone l'opera. Ringrazio inoltre ancora una volta Nadine per avermi onorato con la sua proposta. Buona lettura dei capitoli 1  e 2 e buon week end!

9 commenti :

  1. LO ADORO.
    E' davvero cruento, devo dirlo, però nonostante tutto non riesci a rinnegare del tutto la protagonista, perchè ti viene da pensare a cosa può provare e deve essere orribile. Non immagino davvero come potrebbe andare avanti! *A* Grazie Yuuka chan! <33

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erin, me felice con occhietti brilluccicanti di gioia!!! Non avrei mai immaginato che lo avresti letto, e questo mi rende davvero felice!
      Come dici tu, è impossibile nel bene o nel male, non vedere in Kasane qualcosa da proteggere, non provare compassione e senso di orrore, in quanto la strada che ha intrapreso la porterà alla perdizione, ma allo stesso tempo cos'altro le offriva la vita? in una società dove tutto è apparenza, dove fanno strada solo le persone belle anche se vuote, cosa potrebbe mai fare un essere deforme e solo, come la piccola Kasane?
      Grazie Erin!

      Elimina
  2. wow! ho divorato i 2 capitoli, e non me lo sarei mai aspettata... nelle ultime pag ho pensato : cavolo già è finito il 2 capitolo?
    e come ha già detto erin non riesci a rinnegare la protagonista. anche perchè la mangaka riesce a far emergere con chiarezza i sentimenti della protagonista"quasi" a giustificarla...
    quindi per il mio giudizio yuu: ottima scelta per il nuovo progetto, e poi ogni tanto bisogna sempre cambiare un pò, pin parole povere POLLICE SU!
    Buon week end anche a te :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pam?! Anche tu?! Oi ragazze mi volete far gongolare di brutto, mai mi sarei aspettata che le mie lettrici di shoujo doc provassero a sperimentare un seinen come questo! Allora vi ho convinte eh?
      Guarda anche a me ha fatto lo stesso effetto, la prima volta che l'ho letto mi aveva colpita parecchio, ed appena è uscito pochi giorni dopo il secondo capitolo ho addirittura scritto una mail al gruppo inglese per ringraziare, tanto mi era piaciuto il manga, poi Nadine me l'ha proposto e quindi....
      Benissimo Pam! Grazie davvero, sono così soddisfatta!

      Elimina
  3. Wow.
    Mi sono piaciuti tantissimo questi primi due capitoli, io sono il tipo che legge in maggioranza storie più smielate e , a volte devo ammetterlo sono fin troppo scontate, ma quando incappo in storie dove l'argomento principale è un mistero o legato a qualcosa di diverso (anche macabro e sanguinoso XD) dalla solita storia d'amore trita e ritrita mi affascina leggerlo, questo non vuol dire che rinnego il mio amore per le storie sbaciucchiose eh u.u ma tanto zucchero fa venire il diabete, quindi bisogna aggiungere alla dieta qualcosa di più salato per "spezzare" questa catena di dolciosità XD
    Il rossetto che con un semplice bacio ruba il viso di chi disperatamente vuoi essere, credo sia un idea geniale, l'ho adorata subito. anche io ho poi pensato che il viso della madre poteva non essere il suo, se anche lei era brutta e ha rubato l'identità di qualcuno che ha poi rinchiuso in un sotterraneo (O.O) e ha vissuto per tutta la vita con la sua faccia, o se il rossetto è un cimelio di famiglia che si tramanda da generazioni, e lei essendo nata bella non l'ha mai usato, regalandolo alla figlia perchè è nata con un viso più bruttino.
    Secondo me il "mostro" non è Kasane ma quella nishizawa, doveva interpretare la matrigna non cenerentola u.u
    Il padre è stato meschino, si ama il proprio figlio incondizionatamente, non se è bello, brutto o mezzo alieno -.- che sciocchezza.
    Kasane vuole solo essere accettata, (lo vogliamo un pò tutti no?chi più chi meno)anche io non riesco del tutto a biasimarla.
    Sono stra-curiosa di leggere il seguito.
    Grazie yuuka-chan,davvero un bel manga *www*
    -Ro♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha! -Rò! Se è il diabete che vuoi combattere non ti preoccupare, qui troverai sempre il giusto mezzo, nel senso che come puoi vedere sego molti shoujo, alcuni decisamente classici, altri un pò meno, poi di tanto in tanto, anch'io per il troppo zucchero, vengo colta dall'irrefrenabile voglia di "amaro" e mi butto a pesce morto sul seinen& Co. Inoltre come te amo molto il mystery e l'horror (non quello splatter ma quello più fine, da suspence insomma) per cui i seinen sono un genere che sicuramente si presta meglio di altri ad inglobare queste due sottocategorie.
      Io credo che la madre di Kasane abbia impresso le prime orme su una strada molto buia ed oscura, un strada che dovrebbe condurre alla bellezza assoluta, ma in realtà macchierà semplicemente di nero l'animo, non so se tu abbia mai letto di Oscar Wilde "Il ritratto di Dorian Gray", ma onestamente, anche se le differenze sono notevoli, è la prima cosa a cui ho pensato quando ho letto per la prima volta questo manga.
      Naturalmente come affermi tu, il mostro non è Kasane, ma la società che giudica e ritiene validi solo coloro che sono perfetti fisicamente sminuendo altri valori ed altre qualità egualmente importanti, quindi la povera Kasane, anche se già da piccola è un attrice formidabile, non ha futuro solo per via del suo aspetto deforme, non ha diritto all'amore paterno in quanto fonte di vergogna, non ha diritto a farsi degli amici, in quanto diversa, insomma un inferno in terra più che una vita, e forse la vendetta a qualunque costo a qualunque prezzo togliendo a coloro che le hanno fatto del male ciò che li rende tanto fieri e sicuri di poter giudicare, è una strada perseguibile, anche se non giusta.
      Onestamente è impossibile biasimare un personaggio come questo, anzi qui è davvero difficile stabilire chi sia il cattivo della situazione, anche se sembra una favola, ha molto di realistico quindi non c'è niente di perfettamente definito e chiaro, non c'è il personaggio buono e quello cattivo, non c'è l'eroe e l'antagonista e e sicuramente vuole essere una bella critica alla società.
      Grazie -Rò, come sempre i tuoi commenti sono davvero molto articolati e piacevoli da leggere, è un piacere parlare con te.

      Elimina
  4. Mah .. io sono davvero perplessa. Ma non per il manga in se che è davvero interessante e abbastanza unico nel suo genere, ma per quanto riguarda l'idea di base: possibile che si dia così tanta importanza alla bellezza? Così tanto che anche tra bambine ci sono episodi che sfociano in vero e proprio bullismo? O è una cosa tutta nipponica? (Visto che questa tematiche compare in diversi manga). Quella Nishizawa .. chi di noi non ha pensato che una bella lezione le sarebbe stata più che bene? Ma da qui a morire il salto è lungo. Può una disperazione causata dalla cattiveria altrui portare a simili gesti? Certo. Ma alla fine chi è il carnefice? Colui che fa l'azione finale o colui che ce lo porta? E a questo punto chi è da biasimare? Tutti.

    Una storia dove non esistono vincenti ma solo perdenti.

    Grazie Yu come sempre con i tuoi progetti ci dai modo non solo di svagarci o di viaggiare con la fantasia, ma ci dai anche la possibilità di poter riflettere su tematiche più serie.

    RispondiElimina
  5. Beh, io non so te, ma anche qui da noi in Italia sono molto frequenti episodi di questo genere, viviamo in una società che idolatra la bellezza, che teme e rinnega l'invecchiamento e la morte (tanto che portiamo la gente a morire nelle case di riposo o negli ospedali anche quando non necessitano di cure mediche), dove chi fa strada è chi ha le tette più grosse o le gambe più lunghe, in ogni campo, nessuno escluso, per cui no, di nipponico non c'è proprio niente, qui si tratta di qualcosa di più generale ed omnicomprensivo. Ci sono bambine dell'asilo che già hanno il fidanzato, o che si truccano e si atteggiano da pin up, ti pare normale? Ci sono bambini che maltrattano le bambine solo perchè sono brutte o perchè le altre bambine sostengono che siano brutte, come se questo possa essere un motivo sufficiente a giustificare tale comportamento, io eviterei più una persona antipatica anche se bella, che una brutta ma simpatica e con la testa sulle spalle, ma ai bambini chi glie insegna queste cose? Chi gliele mette in testa? Ci dice loro di scegliere sempre la cosa più bella senza fermarsi un attimo a sondare in profondità? Troppi esami universitari ho visto concludersi con un 30 quando chi c'era davanti all'esaminatore aveva un camicetta più sbottonata o peggio ancora si era presentata all'orario di ricevimento più volte per fare quello che tutti immaginiamo, mentre della disciplina in realtà non gliene fregava niente. Per cui non chiedermi se la bellezza conti davvero così tanto ma piuttosto converti questa domanda in affermazione condendola con tanto di sdegno, perchè questa è la nostra realtà. Da dove pensi scaturiscano patologie come l'anoressia e la bulimia, certo sotto c'è un substrato psicologico di sofferenza più profonda, ma l'input di certo contribuisce a darlo anche questa moderna concezione dell'individuo: chi è bello ha successo, chi non lo è, è uno scarto a cui resta il secondo, terzo, ultimo posto.
    E la risposta ad una delle tue domande è sì, sì la disperazione, la solitudine, il non sentirsi accettare, l'ennesima goccia che fa traboccare il vaso, l'ennesima espressione di sufficienza e di disprezzo, l'ennesimo giudizio gratuito e ingiusto possono portare al suicidio, del resto quando non si ha più niente che ci tenga aggrappati a quel flebile filo che è la vita, siamo noi stessi a scegliere di dare un taglio netto, Dio, ammesso che esista, c'entra poco nelle questioni umane, del resto siamo noi gli artefici del nostro destino, come pure di ogni atrocità presente a questo mondo.

    E' un piacere, del resto anch'io ogni tanto sento il bisogno di leggere qualcosa di più impegnato, insomma ogni manga per uno stato d'animo ed un momento diverso no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto vero. La mia domanda era pertinente ai bambini. Ma effettivamente se c'è una società così malata, quindi anche genitori malati, è logico che si partoriscano "mostri", riflessi del proprio scarso io interiore. Quando la mia nipotina andrà a scuola sicuramente avrò uno specchio della realtà migliore. Tutto questo non fa altro che allontanarmi sempre di più dall'essere "umano" occidentalizzato.

      Fortunatamente dove abito io, che è un piccolo paese, non vi sono casi di questo tipo e se ci sono non sono diffusi. Non so per quanto durerà ma per ora è così. Ho anche avuto una famiglia che è sempre andata contro l'apparenza e quindi non mi sono mai fatta molti problemi anche se incontravo qualcuno che voleva biasimarmi per qualcosa. Per me rimaneva un mentecatto e non gli permettevo di riuscire a ferirmi. Ho sempre ricercato amicizie che andassero oltre l'apparenza e fortunatamente ne ho sempre trovate a tutte le età. Sono stata oggetto di questo tipo di "attenzioni" un po' puntigliose alle elementari (da una maestra e non da bambini) e alle medie, ma da un singolo soggetto che non era seguito da nessuno perché ancora si riusciva ad andare oltre l'apparenza.

      Non mi riferivo solo al suicidio ma anche alla scia di vendetta con il sangue. E ho risposto affermativamente alla mia domanda, perché purtroppo si possono arrivare a fare scelte e azioni drastiche spinti dalle angherie e dalle pressioni psicologiche di esterni. Per questo è sempre bene astenersi dal dare un giudizio affrettato anche di fronte ad un omicidio o un suicidio (ne ho vissuto uno sulla pelle, non mia, in quanto io sono ancora via lei no). La verità può non essere sempre quella più evidente.

      La mia riflessione era sul condonare. Quando si legge qualcosa si tende a farsi giudizi, ad immedesimarsi e si sceglie da che parte stare. In questo opera per me è impossibile farlo. Perdono tutti perché sono miserabili e perdenti quelli che la trattano in quel modo e lei è una "perdente" (non con lo stesso significato) in quanto priva dell'amore e dall'accettazione fondamentale in quell'età formativa. "Perdente" perché si trova suo malgrado a soccombere e ad essere trascinata da quella girandola di sentimenti negativi, autodistruttivi e distruttivi, che le hanno generato gli altri, non erano suoi!

      Elimina

Grazie mille per aver dato il tuo parere ed aver contribuito a migliorare il mio blog!

Labels

'Aishiteru' Uso dakedo (2) AIKAWA Shou (2) Akegami Takara (2) Akuma de Koi Shiyou (4) Amu Meguro (2) Anashin (5) Ane no Kekkon (5) Aoki umi no Toraware Hime (11) Aruko (2) Ayase Umi (1) Ayumura Yuki (11) Balancing Toy (5) Bunbetsu to takan (3) Chiba Kozue (1) CHOO Hae-Yun (1) collaborazione (60) collection (4) Conductor (3) Conflict Lovers (2) Dead Friend's Love Letter (3) Dear my guardy (1) Do S na Oniichan to no Atarashii Koi no Hajimekata Oshiete Kudasai (3) Double Baby (1) Eohwadungdungnae Boreumi (5) Feng Nong (2) Fujio Ai (2) FUJIO Nami (1) Gu Fang Bu Zi Shang (4) Haru x Kiyo (1) Haruiro Astronaut (2) Hatta Ayuko (4) Hazuki kanae (1) HAZUKI Megumi (2) Higurashi Kinoko (3) Hino Matsuri (1) Hirunaka no Ryuusei (27) Hirunaka Shikkaku (2) Homerun Ken (1) Honda Natsumi (1) Honey Sweet Kitchen (1) Horimiya (24) Hoshino Lily (3) I my me (2) Ie no Naka no S na Koto (7) Ikuemi Ryo (7) Ishihara Keiko (2) Ishizue Kachiru (2) josei (13) Junjou Drop (3) Kare ga Kanojo o Tsukuranai Riyuu (1) KAWACHI Haruka (1) KIMI O CHUUSHIN NI SEKAI WA MAWARU (1) KINDAICHI Renjuurou (3) Koda Momoko (2) Koi to Natsu Tsubaki (2) Koiiro Ryokan (3) Kojima Sumire (7) Korosareru nara Sakura no Ki no Isso Shita di (4) KOSUMI Fujiko (1) KOUGA Yun (3) Kuutei Kaiko Toshi (2) Kyou mo Uchi de Machi Awase (2) Le théâtre de A (4) Liar x Liar (3) Love Com Two (2) Love Mania Sock (1) magical change (1) Makino Aoi (2) Mako to Aki-chan no Koigokoro (1) manhua (3) manhwa (4) Masamune-kun no Revenge (1) Matsumoto Kaori (2) MATSUURA Daruma (2) mature (3) Meiji Hiiro Kitan (1) Mielino Kashiwagi (1) Mitsuki Miko (3) Mizuho Kusanagi (1) Momochi Reiko (3) Morito Rito (1) Muro Tata (4) Nakahara Aya (5) Nakamura Asumiko (6) Nana Haruta (1) Nigushi Keiko (1) Nishi Keiko (5) Nokiya (3) Nukoduke ! (1) Nyan Tora ~ Nyanko Trap~ (1) Onda Yuji (1) one shot (37) OOTANI Noriko (1) Oouso Swing (3) OUJITACHI WA IZONSURU (4) Ozaki Akira (1) Pako (2) Paperweight Eye (6) Principal (9) progetti droppati (9) progetti futuri (3) progetti in pausa (1) Rec-Kimi ga Naita Hi (2) Renai Demo Classic (5) Rikachi (3) Saitou Ken (1) Sakamoto Mano (6) Sakisaka Io (4) Sakura Juuyuushi (5) SAKURADA Hina (11) Se dovessi essere ucciso vorrei trovarmi sotto un albero di ciliegio (3) seinen (15) seishun location (4) SEKI Natsumi (3) Sekine-kun no Koi (1) Shimada Chie (5) Shinigami no Torisetsu (1) Shiraishi Yuki (3) shooting star (6) shoujo (202) shounen (26) Sono Rokudenashi ni You ga Aru (4) Stand up (4) Tajima Mimi (4) TAKAHATA Hideta (1) Takamiya Satoru (2) Takano Ichigo (8) TAKEOKA Hazuki (1) Tazawa Kouji (6) The Pale Horse (1) Tiv (1) Tomodachi Gokko (3) True love (12) Tsubakikan no Utsukushi Sugiru Garçon (4) TSUJITA Ririko (3) Ueda Rinko (5) Ume ni Uguisu (3) Un Go Ingaron (2) Waruiko no mikata (3) Watashi no Koibito (4) Yamakawa Aiji (8) Yamamori Mika (28) YAMAMOTO Kotetsuko (1) Yokobaba Ryo (1) Youko Nogiri (3) Yugi Iro (2) Yumachi Shin (1) Yumekoi (1) Yumemiru Koto (2) Yuuki Riko (4) Zi Gui (3)
Made by Schizma